Indicazioni al ricovero

Convenzionato con in Sistema Sanitario Nazionale

  • Pazienti con disturbo dell’alimentazione, in condizioni mediche stabili, in grado di accettare e sostenere un progetto terapeutico-riabilitativo residenziale della durata massima di 12 mesi.
  • La Struttura, che può accogliere fino a dieci ospiti (giovani, adulti, maschi e femmine preferibilmente di età compresa tra i 16 e i 40 anni), ha un’impostazione “aperta”, ovvero, gli ospiti possono concordare le uscite e ricevere visite di parenti ed amici, fatta naturalmente eccezione per le ore dei pasti, delle sedute terapeutiche, individuali e di gruppo o per qualsiasi altra attività d’impostazione clinico-riabilitativa.

Le principali indicazioni al ricovero a Villamare sono rappresentate dalle condizioni specificate nella delibera GR Regione Toscana nr. 441 del 31/03/2010 e di seguito riassunte:

  • Insufficiente o mancata risposta a trattamenti in regime ambulatoriale o di Day Hospital, con situazioni di stallo rispetto all’intervento terapeutico complessivo di almeno sei mesi/un anno e con una significativa incidenza della sintomatologia nelle attività quotidiane e necessità di contenimento relazionale e supportivo a medio termine;
  • Necessità di pasto assistito e supervisione dopo ogni pasto;
  • Presenza di caratteristiche cliniche che rendono inappropriato il trattamento ambulatoriale, quali l’impossibilità a prendersi cura di sé, conflittualità o problematiche familiari che non consentono il trattamento domiciliare.

Date le caratteristiche della Struttura e del programma terapeutico il ricovero non è indicato nei seguenti casi:

  • Rifiuto del ricovero in regime residenziale;
  • Totale assenza di motivazione al trattamento;
  • Obesità grave in assenza di chiari markers psicopatologici di disturbo dell’alimentazione. I soggetti obesi con disturbo da alimentazione incontrollata e con una storia di bulimia nervosa potranno accedere al trattamento;
  • Condizioni internistiche per cui è indicata l’ospedalizzazione;
  • Comorbidità psichiatrica tale da impedire la partecipazione  al  trattamento;
  • Uso attuale di sostanze (l’accesso alla struttura sarà possibile dopo almeno tre mesi di astinenza).